unisa ITA  unisa ENG


Osservatorio sullo Spazio europeo di Libertà, Sicurezza e Giustizia

  • 01 - Convegno inaugurale
  • 02 - Convegno inaugurale
  • 03 - Convegno inaugurale
  • 04 - Convegno inaugurale
  • 05 - Convegno inaugurale
  • 06 - Convegno inaugurale
  • 07 - Convegno inaugurale



Contatti: slsg@unisa.it

news

RSS Feed

L'OSSERVATORIO SULLO SPAZIO EUROPEO DI LIBERTA', SICUREZZA E GIUSTIZIA

approvato con delibera del Dipartimento di Diritto Pubblico e Teoria e Storia delle Istituzioni del 5 marzo 2012, è stato istituito presso il Dipartimento di Scienze Giuridiche (Scuola di Giurisprudenza). 

Esso costituisce una rete di accademici, di rappresentanti del mondo delle professioni legali e delle istituzioni giudiziarie nonché della diplomazia, esperti nel settore del Diritto dell'Unione europea visto nelle sue ricadute applicative all'interno dell'ordinamento italiano. La sinergia tra i suoi componenti (portatori di competenze ed esperienze differenziate di carattere teorico-pratico) è posta al servizio di un territorio in cui si riflettono limiti ed asimmetrie nella compiuta realizzazione di uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia.

Le attività di ricerca si muovono in linea con  la previsione normativa dell'articolo 67 TFUE che prevede che l'Unione "realizza uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia nel rispetto dei diritti fondamentali nonché dei diversi ordinamenti giuridici e delle diverse tradizioni giuridiche degli Stati membri".

Esse si propongono di sviluppare alcuni volet dello Spazio europeo di libertà, sicurezza giustizia e in particolare:

       - la cooperazione giudiziaria nelle materie civili con implicazioni transnazionali

       - la cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale.

Non mancano approfondimenti sull'embrionale cooperazione amministrativa, nonché sul settore relativo ai controlli sulle persone alle frontiere interne e della politica comune in materia di asilo, immigrazione e controllo alle frontiere esterne.
Lo Spazio europeo di libertà, sicurezza giustizia,  nei suoi sviluppi normativi e giurisprudenziali,  come nucleo portante del processo di integrazione europea, potrà essere oggetto di comparazione con altri "spazi" di integrazione extra-europei allo scopo di individuare fenomeni di cross-fertilization  giurisprudenziale.

Le attività didattiche dell'Osservatorio, oltre ad essere di supporto per i corsi dell'area internazionalistica ed europea, includono l'organizzazione di iniziative culturali (conferenze, seminari, workshop)  destinate agli studenti dei vari livelli (I,  II e III)  di formazione universitaria ed, in particolare, ai dottorandi dell'indirizzo autonomo  in "Spazio europeo di libertà, sicurezza e giustizia e Cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale" del Corso di Dottorato di ricerca in Scienze Giuridiche.

L'Osservatorio contribuisce all'internazionalizzazione dell'attività di ricerca e della didattica sviluppando le partnership già esistenti o creandone ulteriori attraverso collaborazioni con enti di ricerca ed università europee ed extra-europee.

Esso beneficia delle esperienze realizzate, nella formazione post lauream con riferimento all'attivazione, a partire dal 2006,  di cinque edizioni del Corso di Perfezionamento in "Diritto dell'Unione europea applicato" (diretto dalla Professoressa Angela Di Stasi), sviluppando nuove forme di formazione specialistica a beneficio degli operatori del diritto (magistrati, avvocati, ecc...).

Infine, l'Osservatorio promuove la creazione di rapporti organici di collaborazione scientifica e didattica, quale quello posto in essere con la Corte di Appello di Salerno (Protocollo di intesa del 6 marzo 2014) e quelli realizzati con la Scuola Superiore della magistratura (Sezione territoriale salernitana) e con l’Ordine degli Avvocati.

______